Puoi scrivere a

antonella.frontani@gmail.com
Vice Presidente di Film Commission Torino Piemonte - Collaboratore in Staff Assessorato Attività Produttive, Commercio, Lavoro Città di Torino

La vera saggezza sta in colui che sa di non sapere

Nel corso del tempo il lavoro mi ha insegnato che sono infinite le cose che non sappiamo. Da lì, il mio impegno per l'informazione e la divulgazione è diventato "passione".


giovedì 28 giugno 2012

l MINISTRO PROFUMO A TORINO: “L’ITALIA DEVE DIVENTARE UN PAESE NORMALE”.


I

Torino Software and Systems Meeting riunisce le piccole e grandi aziende in una tavola rotonda per suggerire proposte alla crisi e rilanciare una nuova fase dell’economia.

Tosm 2012 è l’evento dell’ITC che si svolge a Torino con l’obiettivo di rilanciare gli interventi previsti dall’Agenda Digitale non ancora inseriti nel Decreto Sviluppo.

Si tratta, dunque, di una tavola rotonda tra aziende ed esperti per recuperare quel ritardo che da sempre ci pone tra gli ultimi posti delle classifiche di produttività; un meeting dal titolo “Italia Digitale : Bridging the gap”, come se i termini inglesi usati per indicare il proposito facilitino il raggiungimento dell’obiettivo.

Nelle intenzioni:

  • investire in ricerca, innovazione e internazionalizzazione
  • aggredire i mercati a maggiore potenzialità di spesa a medio termine
  • velocizzare lo scambio di informazioni
  • dare il via all’Agends Digitale

Valutando le intenzioni viene da chiedersi come mai tanti buoni propositi non siano stati ancora attuati. Sembra, quasi, u problema dalla facile soluzione…

Dopo i convenevoli saluti istituzionali, inizia il dibattito moderato da Mario Calabresi. Al tavolo grandi aziende come Telecom, rappresentata da Oscar Cicchetti (che sostituisce Franco Bernabè), e piccoli gruppi, come Venchi, rappresentata dal suo Amministratore Delegato Daniele Ferrero.

Nel corso del dibattito sono emerse polemiche per la incompleta cablatura della banda larga nel nostro paese , che impedisce alle aziende situate fuori dalle grandi città ( come la Miroglio di Alba), di poter operare adeguatamente.

E’ stata dichiarata la fiducia al sistema informatico globale che rende, e renderà, il mercato più agile e totalmente raggiungibile anche per piccole aziende (come Venchii ) che non possono contare su grandi volumi di investimento.

L’intervento rivoluzionario, però, bisogna ammetterlo: è stato quello del Ministro Profumo, che ha presenziato con estrema puntualità il convegno, così come aveva annunciato.

Il suo discorso non è stato politico, ma saggiamente tecnico e abilmente seducente. Non ha usato termini obsoleti, né ha favoleggiato obiettivi irreali. Ha scosso le coscienze dei presenti, vagamente abbattuti dal precedente intervento inutilmente istituzionale, suggerendo un mutamento di cultura, uno scatto di dignità. Un mutamento che ci tolga di dosso quell’insopportabile lentezza mediterranea che ci lascia sempre agli ultimi posti

Ha suscitato ilarità spiegando che la continua richiesta che riceve da interlocutori di ogni ambito da quando è stato nominato Ministro, è sempre una richiesta di proroga.

Il nostro paese è rallentato dalla sua cultura del ritardo, continua Profumo; da quella strana logica che consente ancora allo studente di andare “fuori corso”, sostenendo l’esame tre anni dopo la chiusura del corso. E’ un paese fiaccato dalla cultura della polemica e del vittimismo. Il Ministro chiede uno scatto in avanti.

Ha strappato l’applauso dopo il racconto di qualche aneddoto simpatico in merito al rigore.

La platea è conquistata.

Verrebbe voglia di suggerire un cambiamento di abitudini anche nella gestione dei convegni, in cui i politici dovrebbero imparare a contenere davvero i loro interventi nel tempo previsto e avere la cortesia di non fuggire l’attimo dopo, perdendo la possibilità di seguire dibattiti interessanti ed imparare nozioni preziose.

Oggi la lezione c’è stata solo per i tecnici presenti che sono stati ingiustamente sottoposti ad una lunga presentazione di dati di mercato, già noti a tutti loro, da parte di una società di consulenza.

Anche queste abitudini dovrebbero cambiare. Sarebbe, oltretutto, anche più economico…

giovedì 21 giugno 2012

MATURITA': IO MI FIDO DEI RAGAZZI


“Tempesta rivoluzione che si annuncia con il mormorio di passioni violente; un cambiamento dell’umore , impeti frequenti una continua agitazione mentale rendono il bambino quasi in disciplinabile; diventa sordo alla voce che lo rendeva docile; è un leone nella sua febbre, non riconosce la sua guida, non vuole più essere governato”. L’esame di maturità è uno scoglio che ci troviamo a superare quando nuotiamo nelle sommesse acque della vita: l’adolescenza. Questa è l’adolescenza, secondo Jean Jacques Ro

E proprio nell’età incerta, quella in bilico tra arroganza e inadeguatezza, i ragazzi iniziano a misurarsi con gli aspetti più cruenti del vivere.

Le tracce dei temi che il Ministero ha fornito agli studenti per l’esame di maturità 2012, sono il sunto di tutti quei problemi con cui dovranno confrontasi, nel loro intimo e nella società

Belle tracce. Belle e difficili.

Il primo tema ruotava attorno all’eredità che ci hanno lasciato Pollock, San Tommaso, la Arendt, Sciascia o Montale: preziosi strumenti di lettura della vita sociale e personale.

Cogliere l’essenza del concetto di libertà in un’esistenza isterica dominata dalla compulsiva necessità di essere sempre collegati e reperibili, è davvero un arduo compito. Il significato di “tempo libero” coincide, ormai, sempre più con il “senso di vuoto” nel quale si sprofonda e dal quale si riemerge con grande fatica.

“Pochi sono gli uomini capaci di guardare con fermo ciglio in quel vuoto”, sosteneva il grande Montale trasformando la vita dei giorni nostri in un folle, confuso, ansimante stordimento di massa, lontani dal grande scopo dell’esistenza umana: capacità di riflessione su se stessa e sulla morte.

Alcuni “ragazzi della maturità”, in preda all’audacia e allo sconforto a cui la loro età li costringe, oltre a dover affrontare questo disagio, hanno scelto di descriverlo, forse con una saggezza e una serenità che a noi “già maturi” non appartiene più.

Avrei voluto leggerne qualcuno di quei temi per capire come possono convivere in una giovane vita spensieratezza e disagio, e imparare di nuovo la risalita da quella china di vuoto in cui ci si perde vivendo.

La maggior parte di loro ha affrontato la traccia dedicata al peso della crisi. Chissà qual è la loro visione, proprietari di una porzione di debito pubblico che non esisteva quando sono nati.

E quale possa essere il loro giudizio rispetto alla scienza che ha avuto il pregio di fornirgli un mondo evoluto e la responsabilità di avergli regalato la bomba atomica.

Saggio è stato farli riflettere sul male e non solo sul suo aspetto più spietato ma anche su quello, sorprendentemente, più casule, banale, indifferente e stupido : una lettura più attenta e reale della spietatezza.

Il “labirinto” è stato il tema meno scelto, ma è comprensibile: alla loro età si trovano al centro del proprio pantano. Come possono cercare l’uscita da un labirinto?

Io mi fido dell’interpretazione che i ragazzi hanno fornito dei mali che affliggono noi e la società. Mi fido del loro approccio ai problemi, perché non hanno ancora avuto modo di crearne.

mercoledì 20 giugno 2012

UN VIAGGIO CON ADRIANO BACCHELLA



Ad Antropos un viaggio fantastico tra luoghi incantati e paesaggi dai colori incredibili grazie ai capolavori di Adriano Bacchella, fotografo di fama internazionale-
La puntata è andata in onda giovedì 21 giugno, alle ore 22.30, su Quarta Rete Tv e in diretta streaming al sito www.quartarete.tv e sarà trasmessa, in replica, mercoledì 4 luglio alle ore 12.00, su Sky - Canale 950

video

mercoledì 13 giugno 2012

PIERO FASSINO : UN ANNO DA SINDACO





Ad Antropos Piero Fassino racconta il suo primo anno da Sindaco a Torino.
Successi, progetti, proteste e difficoltà di un incarico svolto nel corso della più grave crisi economica internazionale degli ultimi anni.

La trasmissione andrà è stata trasmessa da Quarta Rete Tv e andrà in onda mercoledì 27 giugno, alle ore 12.00, su Sky - Canale 950.

Antropos con il Sindaco Fassino potrà essere seguito anche in Facebook, Twitter, Linkedin, Myspace e You Tube


video

Paolo Monferrino presenta il Piano Sanitario della Regione Piemonte




L'Assessore Regionale alla Sanità del Piemonte, Ing. Paolo Monferrino, presenta ad Antropos il nuovo piano sanitario. Dubbi, polemiche, aspettative e progetti che da giorni costituiscono materia di dibattiti, confronti e interrogazioni vengono discussi nel corso del programma.
Con lui, in studio, il Direttore generale dr. Del Favero


video

lunedì 4 giugno 2012

TRAPIANTI PER LA VITA




Il dr. Piero Bretto - Responsabile Chirurgia Trapianti di Rene Ospedale Molinette di Torino - e la dr.ssa Anna Guermani - Responsabile del Centro Regionale Trapianti Donazioni e Prelievi Ospedale Molinette di Torino - ad Antropos per spiegare il percorso delle donazioni di organi e l'organizzazione del lavoro del primo centro di eccellenza, in Italia, per i trapianti


video